Posa mosaici artistici

La tecnica del mosaico è molto antica, risale al VII sec. a.C.. Questo rivestimento così antico oggi è rivisto attraverso nuovi materiali che permettono di ottenere effetti straordinari da far considerare i mosaici dei veri e propri strumenti di progettazione.
Dal marmo alla pasta di vetro, dalle resine ai metalli, la gamma di materiali è talmente vasta da permettere a ciascuno di dare sfogo alla propria creatività.
Il mosaico diventa così elemento di arredo anche dove la sua posa preveda materiali poveri o la sua estensione sia limitata a porzioni di pareti o pavimenti.

Tecnicamente si definisce mosaico un rivestimento composto da una serie di piccole tessere solitamente quadrate e di piccole dimensioni; più piccole sono le tessere, maggiore è il dettaglio del disegno.

I materiali utilizzati per il mosaico

  • la pasta di vetro: la sua principale proprietà consiste nel non scheggiarsi al taglio ed essere inalterabile nel tempo. Effetto di trasparenza, colori vivi. Permette di ottenere dei giochi di luce di grande effetto.
  • i quadrati d'arenaria: di taglio facile e resistenti al freddo. Adatti per mosaici in ambienti esterni.
  • la ceramica smaltata: grande gamma di colori anche se è un materiale di difficile conservazione. Non adatta per ambienti esterni o particolarmente umidi.
  • il grès: molto resistente per le caratteristiche intrinseche del materiale (il grès è un materiale ceramico duro). Ampia gamma di colori. Adatto sia per esterni che per interni.
  • i metalli: inserendo uno strato d'oro o di argento in una tessera di vetro lo strato è protetto e si ha un effetto di grande luminosità. Costi a parte, la resa è di sicuro pregio.
    In acciaio è il più innovativo tra i mosaici contemporanei.

Posa in opera del mosaico

Per la buona riuscita del lavoro è molto importante che il sottofondo in calcestruzzo sul quale si poggia la rete sia planare, compatto e senza fessure. Una volta posta sulla parete una rete, si realizza uno strato di calcestruzzo di almeno 13 mm di spessore, così da proteggere il mosaico dalla fessurazione. Quindi si incollano le tessere con un collante che può essere di vario tipo, anche una comune colla vinilica. I Romani usavano fissare le tessere con la cera, che si è rivelata un ottimo collante.
Un altro collante fra i più utilizzati è la malta: applicabile su tutte le superfici, si può aggiungere la calce per rallentarne il tempo di presa. Si possono inoltre utilizzare anche adesivi a base di cemento, concepiti in funzione del supporto, con vari tempi di presa. L'impiego di due tipi di colla bianca (normale e solubile in acqua) è anch'esso frequente. Infine, in epoca contemporanea si è diffuso l'utilizzo di adesivo siliconico.

Le tessere, una volta incollate, devono essere livellate e battute con un frattazzo.

In alternativa alla realizzazione in loco del mosaico, esistono in commercio dei veri e propri fogli sui quali sono già applicate le tessere. Si tratta di una soluzione ideale per realizzare intere pareti e pavimenti, anche in ambienti umidi come ad esempio il bagno o la cucina. Il mosaico cosiddetto industriale prevede al massimo la realizzazione di composizioni geometriche tipo greche, fasce, rosoni.
È importante sapere che i singoli fogli di mosaico, su rete o su carta, non hanno una struttura rigida e quindi si adeguano sempre ai fondi sottostanti purché questi presentino una superficie priva di crepe e uniforme.

Una volta che il collante si è solidificato, devono essere riempite le fughe.
Le fughe fra una tessera e l'altra vanno stuccate con un riempitivo posato su tutto il rivestimento; va benissimo anche il comune stucco. Di solito la larghezza fra le fughe è compresa fra 1 e 2 mm.

Offriamo indicazioni e suggerimenti sui materiali da utilizzare per la realizzazione della posa,
eseguiamo sopralluoghi presso cantieri e abitazioni.
IL PREVENTIVO CHE VI FORNIAMO È GRATUITO!

Hai delle domande particolari alle quali non hai ancora ricevuto una risposta? Vuoi un preventivo personalizzato? Compila il modulo sottostante, ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

Eventuali errori o omissioni nella compilazione del modulo saranno segnalati mediante evidenziazione dei campi errati o con suggerimenti a fianco dei campi stessi. Le informazioni forniteci rimarranno riservate e memorizzate in un database. Per maggiori dettagli al riguardo ti invitiamo a leggere la pagina Riservatezza dei dati.

2 EMME S.r.l.

20831 Seregno (MB) via Londra, 42
Telefono: 03621484150 • Fax: 03621484145
E-mail: info@2emme-pose.it
Partita IVA e codice fiscale 05118120962

2 EMME S.r.l. è iscritta e certificata

ASSO POSAEURO-SOA SocietÓ Organismi di attestazione